Alex Minichetti: campione regionale di minimoto parteciperà alle gare nazionali

Alex Minichetti, un intraprendente bambino di soli 7 anni, ha conquistato un’altra spettacolare vittoria nel circuito di Giulianova e con la sua minimoto si è aggiudicato il titolo di Campione Regionale con una gara di anticipo.

Alex Minichetti del Motoclub Ammotora Rieti potrà quindi prendere parte ad una super gara di minimoto nella finale nazionale, che si disputerà il 5 ed il 6 ottobre 2019 nella città di Ferrara, al termine della quale verrà consegnato al vincitore il titolo Tricolore Minimoto 2019.

I ragazzi del Motoclub, come anche tutti i tifosi, si sono complimentati con i piccolo Alex anche per essere intervenuto all’evento sportivo di Rieti mettendo in mostra la sua minimoto da gara nello stand allestito dal Motoclub Ammotora Rieti per promuovere l’attività motociclistica del club.


Arma di Taggia: minimoto dei Carabinieri protagoniste alla Festa dello Sport

Alla Festa dello Sport che si è tenuta la scorsa domenica ad Arma di Taggia sul lungomare le minimoto dei Carabinieri come anche il loro elicottero che volteggiava nel cielo sono stati i protagonisti di questo evento.

Foto Credit: Tonino Bonomo

Una cinquantina di bambini, di età compresa tra i sei e dodici anni, si sono divertiti sulle minimoto all’interno della pista allestita in collaborazione con la Federazione Motociclistica Italiana e con i ragazzi del CC Motorday. Per tutti questi ragazzini è stato il primo approccio con una motocicletta, seppur mini, ed hanno potuto avere la possibilità di avvicinarsi a questo fantastico mondo divertendosi in totale sicurezza grazie ai consigli e alla pazienza degli istruttori. Un’esperienza che questi ragazzi ricorderanno con piacere.

Foto di Tonino Bonomo

Questo slideshow richiede JavaScript.

Archiviata anche questa bella esperienza, i ‘ragazzi’ del sodalizio di Taggia sono ora proiettati verso l’organizzazione del prossimo Motogiro della Strega, lo storico, tradizionale appuntamento di fine stagione che quest’anno arriva ad una cifra tonda importante: quella del 2019 sarà infatti la trentesima edizione di questa manifestazione attesa ed amata da tutti i motociclisti del ponente ligure… e non solo! L’appuntamento è dunque per domenica sei ottobre, come sempre nel centro storico di Taggia. Sarà un’edizione indimenticabile, non mancate!” ha dichiarato Alessandro Pastore del sodalizio sportivo.


Minimoto: guida all’acquisto con video e descrizione

In questo video guida all’acquisto, il responsabile meccanico di Motorbimbo, fornisce molte indicazioni utili che vi potranno aiutare nella scelta della minimoto più adatta per vostro figlio.

In ogni caso, siamo sempre pronti a rispondere sia telefonicamente, al numero (+39) 0322 240011, che sulla chat presente nel sito per chiarire qualsiasi vostro dubbio. Vediamo quindi i principali modelli di mini moto e le loro caratteristiche.

Come scegliere la giusta minimoto per mio figlio?

Una minimoto, anche se di piccole dimensioni, deve rispettare determinati requisiti per poter essere guidata da un bambino. Infatti per scegliere il prodotto giusto, per prima cosa occorre che i suoi piedi tocchino terra. Quindi consigliamo di prendere la misura dal cavallo in giù di vostro figlio/a e visionare, nelle caratteristiche tecniche presenti in ogni prodotto, l’altezza dalla sella a terra.

guida acquisto minimoto

Di seguito le tre fasce di modelli di minimoto per poter valutare l’acquisto di quello giusto per vostro figlio/a.

  • Minimoto PS FIAMME, questa minimoto rappresenta la base delle moto stradali. Questa minimoto dispone di un doppio scarico posteriore, acceleratore regolabile per poter limitare la velocità massima, importante sapere che è dotata di un dispositivo di spegnimento di sicurezza in caso di caduta. Per ottenere buone prestazioni e garantirne la massima durata, la PS FIAMME è consigliata per ragazzi  fino a 30 chili di peso. Il peso massimo supportato dal telaio è comunque di 80 kg.  Per maggiori dettagli clicca su questo link.
00 MINIMOTO MINI MOTO PS FIAMME

00 MINIMOTO MINI MOTO PS FIAMME

  • Minimoto PS 50 ROCKET SPORT. Questo prodotto ha un costo leggermente superiore rispetto alla PS FIAMME ma è qualitativamente migliore. Questo modello monta un carburatore di qualità superiore da 15mm, la frizione ultra-resistente regolabile con molle rinforzate.  Anche su questa minimoto è presente il doppio scarico, il regolatore di velocità sull’acceleratore e il dispositivo di spegnimento in caso di caduta. La Minimoto PS 50 ROCKET SPORT, grazie a queste caratteristiche, si dimostra molto robusta e resistente e offre il meglio delle prestazioni con ragazzi anche fino a 45 kg (la portata massima è comunque di 80 kg).Per maggiori dettagli ed acquistare clicca su questo link.

 

  • Minimotard HOBBIT. Questa minimoto è dedicata ai ragazzi più inesperti, in quanto permette loro di sedere su una moto col manubrio alto e quindi più comoda. Adatta sempre all’asfalto in quanto le gomme sono le stesse montate sulla PS FIAMME e sulla ROCKET SPORT. Su questo modello lo scarico è singolo e sportivo e anche questo modello dispone  sempre di acceleratore regolabile e interruttore di sicurezza in caso di caduta. Le dotazioni speciali di questa Minimotard inoltre sono: il carter di protezione sul giro catena, avviamento in metallo e non in plastica, telaio rinforzato.  Per avere buone prestazioni e garantirne la massima durata, il minimotard Hobbit è consigliato per ragazzi  fino a 30 chili di peso. Il peso massimo supportato dal telaio è comunque di 80 kg. Per maggiori dettagli clicca su questo link.

Per visionare il nostro catalogo prodotti a riguardo delle minimoto potete andare a questo link e trovare tutte le informazioni che desiderate.


Minimoto: storia di un talento a soli 8 anni (Video)

Carmelo Belluzzo è un bambino di soli 8 anni considerato un incredibile talento del motociclismo. Carmelo corre dall’età di 5 anni ed è il solo bambino del Sud Italia a frequentare la Lorenzo Motorbike Racing School Como. Le sue potenzialità come motociclista sono state scoperte dal suo istruttore Marco Ceramella che, non appena lo ha visto correre sulla sua minimoto, lo ha considerato da subito una promessa del motociclismo.

Ma Carmelo, oltre ad essere molto bravo in sella alla minimoto, ha anche una grande tenacia e disciplina. Egli infatti prova tutti i giorni gli esercizi di concentrazione, sfidando anche le intemperie, sfiorando i 100 Km orari. Ma c’è una persona che lo guida e gli ha trasmesso la passione per le moto. Questa persona non poteva che essere suo padre Leandro, che lo guida e lo sprona ogni giorno. Vediamo un video realizzato da Tivissima Italia che rappresenta un esempio da seguire non solo per il motociclismo ma tutti i bambini che praticano uno sport che li appassiona.

 


Motociclismo e bambini: 5 fattori positivi per la crescita

Il compito di ogni genitore è quello di insegnare ai propri figli il rispetto, l’educazione, la disciplina e come rischiare il meno possibile e in maniera consapevole. Soprattutto quando iniziano uno sport come il motociclismo. Sicuramente la moto per noi genitori è una fonte di preoccupazione ma, dall’altro lato, è così bello vedere i loro occhi accendersi di gioia nel fare quello che amano! Guidare una motocicletta in un ambiente sicuro controllato con tutte le protezioni possibili minimizza i rischi ed essi si possono paragonare a quelli di sport come il calcio, le arti marziali o altri sport più comuni. Vediamo insieme i fattori positivi di far praticare uno sport come il motociclismo al vostro bambino.

Sviluppa l’autostima e regala emozioni

Il motociclismo dà a tuo figlio uno sbocco per canalizzare tutte le emozioni, eccitazione, frustrazione. Qualunque cosa. Una brutta giornata a scuola verrà immediatamente dimenticata non appena salterà in sella alla sua minimoto. Gli studi ci dicono che l’autostima aumenta quando cresciamo, quando ci distinguiamo in modo positivo e aumenta anche quando facciamo qualcosa che ci piace.

Disciplina

Purtroppo viviamo in un mondo in cui i nostri figli non sanno cosa siano la disciplina e il rispetto. Mamma e papà a volte, che lo ammettano o meno, fanno troppo per i loro figli e il nostro mercato fa tutto il possibile per mantenere i giovani a proprio agio. Il motociclismo genera disciplina, che si porterà come bagaglio per tutta la vita. Il giovane che impara la discipline della cura della sua motocicletta e il rispetto sia per gli avversari che per i compagni di squadra fa passi da gigante rispetto ai bambini che passano tutto il loro tempo al computer o alla TV. Grazie al motociclismo, inoltre, i bambini imparano cosa sia il rispetto. Rispettano la pista, rispettano le loro capacità, rispettano le loro minimoto.

Preparazione e concentrazione

Il motocross, ad esempio, insegna a prepararsi in quanto vostro figlio dovrà pensare a ciò di cui avrà bisogno per la giornata, preparare i propri occhiali, il casco, l’attrezzatura e la moto. Questo è tutto ciò che i bambini dovrebbero fare da soli. Inoltre, non appena si accende la minicross l’unica cosa al mondo che conta è la pista di fronte a sé e questo insegna la concentrazione. In un mondo di distrazioni, la nostra capacità di attenzione media è passata da 22 minuti negli anni ’30 a 7 secondi per i nostri giovani. 7 secondi!!! Dobbiamo insegnare ai nostri figli a concentrarsi!

Amicizia

Molte famiglie di motociclisti diventano amici per la vita, si incontrano persone affini che si divertono all’aperto. Come in ogni sport, ci sono persone di ogni ceto sociale. E’ assolutamente garantito che si conosceranno famiglie affini.

Eccitazione

I bambini amano l’eccitazione e guidare una moto è proprio quello che la saprà creare. Ogni giorno sarà diverso e creerà ricordi che rimarranno per sempre. Riempite i vostri figli di emozioni positive e ispirateli.


4 modi per far innamorare tuo figlio della moto

Ci sono molte caratteristiche che i bambini ereditano dai propri genitori. Ma non sempre ne ereditano anche le stesse passioni: a volte i bambini finiscono per essere molto diversi dai propri genitori, non solo caratterialmente ma anche sui propri gusti personali. Però non tutto è perduto! Se si vuole instillare nel proprio bambino la passione per le moto ecco alcuni suggerimenti.

come far in

1 – Lascia che ti veda prenderti cura della tua moto: l’osservazione può suscitare curiosità e interesse

Di solito, i bambini sono molto influenzati da ciò che vedono fare dagli adulti. Se vuoi davvero che tuo figlio inizi a provare interesse per la moto, un buon consiglio è quello di fargli vedere la cura che hai della tua motocicletta portandolo con te quando la devi pulire, piuttosto che cambiare l’olio, o calibrare le ruote o ancora fare la manutenzione. Coinvolgilo facendoti aiutare: lui si sentirà più vicino a te e potrà essere ispirato dalla dedizione che hai verso la moto e sviluppare anche lui un’affinità per le due ruote.

2 – Portalo in moto con te e fallo provare: il contatto diretto con il veicolo può portare il tuo bambino ad appassionarsi della moto

Un’altra cosa che puoi fare è portarlo in moto con te, come anche regalargli una minimoto tipo questa. L’importante è garantire che la sicurezza non venga lasciata da parte, anche per quanto riguarda la velocità. Puoi scegliere un percorso breve e tranquillo. I tratti meno trafficati permettono una contemplazione più dettagliata della natura e contribuiranno a suscitare ulteriormente l’interesse del bambino favorendone una più profonda integrazione. Inoltre, a casa, sotto la tua supervisione, lasciagli tenere il manubrio e persino avviare il veicolo. Mostra il meccanismo operativo della moto, dai consigli su come guidare e sottolinea sempre l’importanza di farlo in sicurezza. Puoi anche portarlo a guardare il tuo allenamento se partecipi a delle gare.

3 – Guarda film in cui la moto è “protagonista”

Puoi andare al cinema o guardare film a casa in cui la motocicletta fa da protagonista. Certamente questo è uno dei modi più efficaci per portare il tuo bambino a innamorarsi delle motociclette, data l’influenza che i film hanno sulle persone, compresi i bambini. Bisogna però fare attenzione quando si sceglie il film perché la maggior parte sono pieni di violenza e uso improprio del veicolo, trasformando l’altissima velocità e l’esposizione non necessaria ai rischi come una qualità fondamentale. È importante chiarire le differenze tra realtà e finzione. Si può anche approfittare dell’influenza che i supereroi esercitano nella mente infantile e guardare film come Capitan America e Ghost Rider, per esempio. Si possono anche guardare film e documentari su sport come il motocross, che possono essere molto stimolanti.

4 – Visita i negozi di moto per una maggiore integrazione con la diversità

Un altro consiglio è quello di andare con lui nei negozi di moto. In questo modo avrà l’opportunità di vedere e conoscere diversi modelli e marchi sviluppando, a poco a poco, le sue preferenze. Avrai anche l’opportunità di dare alcune “lezioni”, parlando delle differenze tra loro, delle caratteristiche di un determinato modello , dei vantaggi e dei limiti di ciascuna di esse. Un negozio di moto è uno spazio appropriato per il tuo bambino per sviluppare un reale interesse per il veicolo. Inoltre, è possibile visitare i negozi online, dove avrai più libertà di mostrare dettagli e dare spiegazioni.


Minimoto e bambini: 4 consigli utili per iniziare

La passione per le motociclette viene spesso trasmessa dai genitori ai bambini e, in alcuni casi, inizia molto presto nella fanciullezza. Quando si introduce il bambino nel motociclismo, è importante prendere alcune precauzioni per la sua sicurezza, e quindi assicurarsi che andare su una minimoto diventi piacevole anche per lui.

minimoto e bambini

Scegli la minimoto delle dimensioni e della categoria appropriate

Quando si introduce il bambino nel motociclismo, il primo passo è scegliere la moto giusta per lui. Questo è molto importante perché sicuramente definirà il rapporto del tuo bambino con lo sport, sviluppando la passione per la guida di una minimoto. Quindi, se tuo figlio è ancora un bambino, cerca un prodotto che sia indicato per bambini della sua età. Avranno non solo la giusta altezza, ma anche il peso ideale per i bambini  una caratteristica molto importante per padroneggiare al meglio la minimoto.

Garantire la sicurezza con l’attrezzatura completa

L’attrezzatura di sicurezza è molto importante per coloro che stanno iniziando a guidare una moto a causa di cadute frequenti. Quando introduci il tuo bambino nel mondo del motociclismo è necessario acquistare l’attrezzatura completa: pantaloni, giubbotto, stivali, casco e guanti adatti alle dimensioni del bambino. Queste apparecchiature garantiranno la sua sicurezza nel periodo di adattamento alla pratica e sono indispensabili per garantire il divertimento del bambino senza compromettere la sua sicurezza.

Cerca piste di motociclismo amatoriali

Trovare il posto ideale dove andare è molto importante per chiunque stia iniziando, specialmente se è un bambino. Non è sempre possibile trovare piste che siano adatte per bambini, quindi cerca una pista meno affollata con ostacoli più facili, senza grandi curve e poca fanghiglia. Inoltre, quando avvii il tuo bambino ad uno sport come il motociclismo, puoi scegliere i percorsi che ti sono familiari e passare giornate meno impegnative.

Incoraggia ma non forzare

Imparare ad andare in moto può essere un compito molto stancante, soprattutto per i bambini. In questo modo, quando presenti il ​​tuo bambino al motociclismo, procedi lentamente. Se si stanca dopo pochi minuti in moto, riposati con lui e poi riprendi l’attività. Per i bambini è importante guidare una moto principalmente per divertirsi, quindi evita di iscriverli alle competizioni se non sono ancora pronti in modo che non abbiano paura di continuare a praticare questo sport in caso di scarso rendimento.

Condividere una passione come il motociclismo con i propri figli è un’ottima opportunità per fare delle attività insieme.


Minimoto: come tirar fuori il potenziale dei bambini

Vediamo nel dettaglio come tira fuori il potenziale dei bambini che praticano motociclismo o che vogliono imparare ad andare sulle minimoto.

Quando insegniamo qualcosa, qualunque cosa sia, oltre ad elencare i possibili effetti positivi di tale apprendimento, dobbiamo anche essere pronti ad affrontare i possibili sviluppi negativi. Un bambino ha bisogno di sperimentare molte volte prima di capire le cose, quindi è fondamentale incentivarlo anche quando i risultati sono ancora parziali, con la prospettiva che ogni volta andrà meglio.

Come motivare un bambino

Per un bambino la motivazione è direttamente proporzionale all’utilità della cosa prodotta, sia per se stesso che per gli altri. Per questo motivo, ingannarlo con false promesse o critiche poco costruttive potrà compromettere la sua autostima in quanto si sentirà rifiutato, inferiore, insignificante, vedendo il risultato del proprio lavoro come il ritratto di se stesso.

Una critica costruttiva, che non significa complimentarsi o una forma di ricompensa, ha più valore nel momento in cui la sua funzione sarà motivante. Quando si commenta una performance durante una gara di minimoto, ad esempio, si analizzeranno sia i punti deboli che quelli forti cercando di dare consigli che lo aiutino a migliorare.  Questo gesto è un’ottima forma di motivazione e fa spazio a critiche costruttive. In questo modo, il bambino tenderà ad accettare le correzioni come una forma sincera di orientamento e mai come un rifiuto da parte del genitore.

Non c’è magia, è un fatto semplice, un bambino motivato è naturalmente disciplinato

Ricompense, semplici complimenti, promesse di successo, pratiche comuni utilizzate per motivare un bambino a svolgere i propri compiti e doveri dovrebbero essere evitati a tutti i costi. Il genitore dovrebbe semplicemente riconoscere un lavoro ben fatto e dimostrare un sincero interesse per il progresso di un’attività ancora in sospeso. Deve essere disposto ad ascoltare le spiegazioni del proprio figlio sui motivi per cui, ad esempio, ha guidato la sua minimoto in quella determinata maniera, e poi contribuire personalmente con suggerimenti costruttivi.

Possiamo mostrare loro, attraverso semplici esempi, come la nostra intera conoscenza della vita sia stata costruita da tentativi e che, ancora adesso, si abbia ancora tanto da imparare. Di conseguenza non temeranno più gli errori, ma tenderanno a utilizzare i tentativi falliti o gli errori, come guide preziose per raggiungere i loro obiettivi, senza provare frustrazione o risentimento; senza rabbia o crisi di ansia inutili.

Infine …

Infine, un bambino non è motivato confrontando il proprio risultato con quello del suo amichetto o anche di uno sconosciuto. Il metodo più efficace e sensibile è quello di dare sempre più sfide e monitorare attentamente i suoi progressi o le difficoltà. E quando il bambino percepisce l’interesse dei genitori, piuttosto che del proprio allenatore di minimoto, per il suo lavoro, si sentirà naturalmente motivato, disciplinato e responsabile.