“La minimoto è una cosa seria”: ne parla un grande pilota di motociclismo

Alessio Polidori, pilota mugellano in pista da un ventennio e impegnato da diversi anni a portare nelle scuole l’esperienza del motociclismo dichiara: “La minimoto non è un giocattolino che ti fa sognare, ma una cosa seria”.

In un’intervista pubblicata da La Nazione, Polidori ha sottolineato infatti che, fin dal primo momento in cui un bambino sale su una minimoto, è di fondamentale importanza trasmettergli quanto sia importante mantenere delle condizioni di assoluta sicurezza oltre a evitare di correre rischi inutili.

A questo proposito il pilota consiglia ai genitori che vogliono far avvicinare il propri figli a questo sport, sia per semplice divertimento che a livello agonistico, di fa seguire loro delle lezioni su come stare in sella, affrontare le curve e tanti altri aspetti utili. Inoltre, consiglia Polidori, è bene che fin dalla prima lezione in minimoto il bambino sia ben (e obbligatoriamente) equipaggiato e all’interno di strutture apposite in quanto una piccola percentuale di rischio esiste sempre. Oltre a questo, far capire al bambino l’importanza della concentrazione e la consapevolezza dei rischi che si possono correre.

Oltre alla guida è poi anche importante conoscere i ricambi della minimoto e saper tenere un buona manutenzione. Questo aiuta nella crescita dei ragazzi e nella cura ed attenzione alla sicurezza ed alle responsabilità-

Questi aspetti saranno utili ad insegnare ad andare in moto in futuro senza intraprendere obbligatoriamente la strada dei grandi campioni anche se, già dalla tenera età di sei anni, afferma Polidori, si può capire se un bambino abbia la stoffa del campione.